A A A A A
Bible Book List

Marco 9La Bibbia della Gioia (BDG)

Gesù nella sua gloria.

Gesù continuava a dire ai suoi discepoli: « Alcuni di quelli che sono qui presenti ora non moriranno prima di avere visto il Regno di Dio arrivare con grande potenza! »

Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li portò sulla cima di una montagna. Non c’era nessuno con loro. Improvvisamente, davanti ai loro occhi, il viso di Gesù incominciò a splendere di gloria, i suoi abiti divennero di un bianco abbagliante, tanto splendente da non essere di questa terra. Ed ecco che apparvero Elia e Mosè che cominciarono a parlare con Gesù.

« Maestro, è meraviglioso! » esclamò Pietro. « Faremo qui tre tende, una per ciascuno di voi tre… »

Pietro diceva così tanto per parlare, perché non sapeva che cosa dire, infatti erano rimasti tutti spaventati.

Poi venne una nuvola che li coprì, oscurando il sole, e una voce dalla nuvola disse: « Questo è il mio amato figlio. Ascoltatelo! »

Ad un tratto, guardandosi intorno, i discepoli s’accorsero che Mosè ed Elia erano spariti, e con loro era rimasto soltanto Gesù.

Mentre scendevano dalla montagna, Gesù disse loro di non far parola di ciò che avevano visto, finché non fosse risorto dalla morte. 10 Così mantennero il segreto, ma spesso ne parlavano fra di loro, chiedendosi che cosa avesse inteso Gesù dicendo: « risorto dalla morte ».

11 Cominciarono quindi a fargli domande su un argomento di cui parlavano spesso i capi religiosi giudei, e cioè che Elia sarebbe ritornato (prima che venisse il Messia). 12, 13 Gesù era d’accordo che Elia dovesse tornare per primo a preparare la strada (per il Cristo), anzi, aggiunse che era già tornato. Non solo, ma era stato maltrattato, proprio come i profeti avevano predetto. Poi chiese loro: « Secondo voi che cosa intendevano i profeti quando predissero che il Messia avrebbe sofferto e sarebbe stato trattato con profondo disprezzo? »

Gesù sulla terra.

14 Quando giunsero ai piedi della montagna, trovarono un’enorme folla stretta attorno agli altri nove discepoli, mentre alcuni capi giudei discutevano con loro. 15 La gente guardò Gesù con una certa soggezione, mentre si avvicinava; ma poi corse a salutarlo. 16 « Che succede? » chiese Gesù.

17 Un uomo fra la folla si fece avanti e parlò: « Maestro, ho portato mio figlio, perché tu lo guarisca. Non può parlare, perché è posseduto da un demonio. 18 Ogni volta che il demonio prende il sopravvento su di lui, lo getta a terra, e allora il ragazzo diventa rigido e digrigna i denti con la bava alla bocca. Ho chiesto ai tuoi discepoli di cacciare il demonio, ma non ci sono riusciti ».

19 Gesù disse (ai suoi discepoli): « Gen te sen za fede! Per quanto ancora dovrò aver pazienza con voi? Portatemi il ragazzo! »

20 Glielo portarono; e quando il demonio vide Gesù, cominciò a scuotere convulsamente il ragazzo che cadde a terra sbavando e contorcendosi.

21 « Da quanto tempo è in queste condizioni? » chiese Gesù al padre. « Fin da quando era molto piccolo », rispose l’uomo. 22 « Spesso il demonio lo fa cadere nel fuoco o nell’acqua per ucciderlo. Oh, abbi pietà di noi e fa qualcosa, se puoi! »

23 « Se posso? » disse Gesù. « Ma non sai che tutto è possibile per chi ha fede? »

24 Subito il padre rispose: « Io ho fede, tu aiutami ad averne di più! »

25 Quando Gesù vide che la folla aumentava, sgridò il demonio, dicendogli; « O demonio sordo e muto, ti ordino di uscire da questo ragazzo e di non tornare mai più! »

26 Allora il demonio cacciò un urlo agghiacciante e di nuovo mise il ragazzo in convulsioni, poi, finalmente, lo lasciò. Il ragazzo rimase a terra afflosciato, immobile, apparentemente senza vita. Un mormorio corse tra la folla: « È morto! » 27 Ma Gesù prese il ragazzo per la mano e lo aiutò a rialzarsi in piedi: era guarito! 28 Più tardi, quando Gesù rimase solo in casa con i discepoli, essi chiesero: « Perché non siamo riusciti a cacciare quel demonio? »

29 Gesù rispose: « Casi di questo genere richiedono molte preghiere ».

30, 31 Lasciata quella regione, viaggiarono attraverso la Galilea, dove Gesù cercava di mantenere l’incognito per poter passare più tempo ad insegnare ai discepoli. « Io, il Messia, sto per essere tradito e ucciso, ma dopo tre giorni risusciterò dai morti! » diceva loro.

32 Ma i discepoli continuavano a non capire e non avevano il coraggio di chiedergli spiegazioni.

33 E così arrivarono a Cafarnao. Quando furono sistemati nella casa dove dovevano soggiornare, Gesù chiese loro: « Di che cosa parlavate per strada? »

34 Ma i discepoli si vergognavano di rispondere, perché stavano discutendo per sapere chi di loro fosse il più grande.

35 Allora Gesù si sedette, li riunì tutti e dodici intorno a sé e disse loro: « Chi vuole essere il più grande deve essere l’ultimo, il servo di tutti! »

36 Poi mise fra loro un bimbetto di pochi anni e, prendendolo in braccio, aggiunse: 37 « Chi accoglierà nel mio nome un piccino come questo, accoglierà me. E chi accoglie me, accoglie mio Padre che mi ha mandato ».

38 Uno dei discepoli, Giovanni, gli disse: « Maestro, abbiamo visto un uomo che cacciava i demòni in nome tuo e noi gli abbiamo detto di non farlo, perché non appartiene al nostro gruppo ». 39 Ma Gesù rispose: « Lasciatelo fare. Perché nessuno può fare miracoli nel mio nome e subito dopo levarsi contro di me. 40 Chi non è contro di noi, è per noi! 41 Chiunque vi darà anche soltanto un bicchiere d’acqua, perché appartenete a Cristo, vi assicuro che non perderà la sua ricompensa! 42 Ma se qualcuno col proprio comportamento ostacolerà la fede di uno di questi piccini che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse legata al collo una macina da mulino e fosse buttato in mare!

43, 44 Se la tua mano compie il male, tagliala. Meglio entrare nella vita con una mano sola, che essere buttato con tutte e due nel fuoco inestinguibile dell’inferno. 45, 46 Se il tuo piede ti porta al male, taglialo. Meglio essere zoppo e vivere per sempre, che essere gettato all’inferno con due piedi.

47 E se il tuo occhio ti fa peccare, cavalo. Meglio entrare guercio nel Regno di Dio che avere due occhi e vedere il fuoco dell’inferno, 48 “dove il verme non muore mai e il fuoco non si spegne, 49 dove l’unico condimento è il fuoco”. (Vedi Isa ia 66, 24).

50 Il sale è buono, ma se diventa insipido come potete ridargli sapore? Perciò, abbiate sale in voi stessi, non perdete il vostro sapore! E vivete in pace gli uni con gli altri ».

La Bibbia della Gioia (BDG)

La Bibbia della Gioia Copyright © 1997, 2006 by Biblica, Inc.® Used by permission. All rights reserved worldwide.

  Back

1 of 1

You'll get this book and many others when you join Bible Gateway Plus. Learn more

Viewing of
Cross references
Footnotes