A A A A A
Bible Book List

Marco 15La Bibbia della Gioia (BDG)

Processo ed esecuzione.

15 La mattina presto, i primi sacerdoti, gli anziani e i teologi, cioè la Corte Suprema al completo, si riunirono per discutere il da farsi. Alla fine fecero legare Gesù e lo fecero portare sotto scorta armata da Pilato, il governatore romano.

Pilato gli chiese: « Sei tu il re dei Giudei? » « Sì », rispose Gesù, « proprio come tu dici ».

3, 4 Siccome i capi sacerdoti lo accusavano di molti crimini, Pilato gli chiese ancora: « Perché non dici niente? Che ne pensi di tutte queste accuse contro di te? »

Ma Gesù, con grande meraviglia di Pilato, non disse parola.

A quei tempi, Pilato soleva liberare un prigioniero giudeo ogni anno, durante la Pasqua, qualsiasi detenuto il popolo richiedesse. In quel periodo era in prigione un certo Barabba, condannato all’ergastolo con altri per assassinio durante una sommossa.

La gente andava affollandosi nei pressi della residenza di Pilato, chiedendo come ogni anno il rilascio di un prigioniero. Allora Pilato disse:

« Che ne dite se vi libero Gesù, il re dei Giudei? È lui che volete libero? » 10 Pilato parlava così perché si era ormai reso conto che le accuse contro Gesù erano tutte una messa in scena dei capi sacerdoti, invidiosi della sua popolarità.

11 Ma a questo punto i capi sacerdoti incitarono la folla a chiedere la liberazione di Barabba al posto di Gesù.

12 « Ma se io libero Barabba », chiese Pilato, « che cosa devo fare di quest’uomo, che voi chiamate vostro re? » 13 Ed essi gridarono di rimando:

« Crocifiggilo! »

14 « Ma perché? » domandò Pilato. « Che ha fatto di male? » Ma la folla gridava più forte che mai: « In croce! In croce! »

15 Allora Pilato, temendo una rivolta e non volendo scontentare la folla, liberò Barabba. Ordinò poi che Gesù fosse frustato e lo consegnò ai soldati, perché fosse crocifisso.

16, 17 Allora i soldati romani lo portarono nella fortezza dove riunirono l’intero corpo di guardia. Gli buttarono addosso un mantello rosso, poi fecero una corona di lunghe spine acuminate e gliela misero in testa. 18 Lo salutavano poi, deridendolo: « Salve, re dei Giudei! » 19 e lo colpivano sulla testa con un bastone, gli sputavano addosso e si inginocchiavano per « adorarlo ».

20 Quando finalmente furono stanchi del gioco, gli tolsero il mantello rosso e gli rimisero i suoi vestiti. Poi lo portarono via per crocifiggerlo. 21 In quel momento tornava dai campi un certo Simone di Cirene, padre di Alessandro e Rufo. Simone fu costretto a portare la croce di Gesù.

22 Portarono quindi Gesù in un posto chiamato Gòlgota (gòlgota significa teschio). 23 Là gli fu offerto del vino con erbe amare, ma Gesù lo rifiutò. 24 Poi lo inchiodarono alla croce e si giocarono a dadi i suoi vestiti.

25 Erano circa le nove di mattina, quando si procedette alla crocifissione.

26 Sulla croce, sopra la sua testa, fu fissata una scritta che indicava i suoi crimini. Diceva: « Il re dei Giudei ».

27 Quella mattina furono crocifissi anche due ladroni, le loro croci erano una alla destra e l’altra alla sinistra di quella di Gesù. 28 Si adempiva così la profezia che diceva: « Egli fu contato fra i malviventi ».

29, 30 La gente che passava di lì lo prendeva in giro, scuotendo la testa per lo scherno. « Ehi, guarda come sei ridotto! » gli gridavano. « Così, tu avresti potuto distruggere il tempio e ricostruirlo in tre giorni! Se sei così in gamba, salva te stesso e scendi dalla croce! »

31 Anche i capi sacerdoti e i capi religiosi se ne stavano lì intorno, schernendolo. « È stato davvero bravo a salvare gli altri », dicevano, « ma non riesce a salvare se stesso! »

32 « Ehilà Messia, re d’Israele! Scendi dalla croce e ti crederemo! » E perfino i due ladroni, che stavano morendo con lui, lo insultavano.

33 Verso mezzogiorno, su tutta la terra cadde l’oscurità, che durò fino alle tre del pomeriggio.

34 Allora Gesù gridò a gran voce « Eloì, Eloì, lamà sabactanì? (Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?). »

35 Alcune persone lì presenti udirono quelle parole e pensarono che stesse chiamando il profeta Elia. 36 Un uomo corse a prendere una spugna e la inzuppò nell’aceto, poi l’infilò sopra un’asta e, cercando di far bere Gesù, disse: « Vediamo se Elia verrà a tirarti giù! »

37 Allora Gesù emise un altro forte grido e rese lo spirito.

38 E la cortina del tempio si squarciò in due, da cima a fondo.

39 Il centurione romano che stava vicino alla croce, quando vide come era morto Gesù, esclamò: « Questo era davvero il Figlio di Dio! »

40 C’erano là alcune donne che seguivano a distanza la scena. Maria Maddalena, Maria (la madre di Giacomo il piccolo e di Iose), Salome ed altre. 41 Queste, insieme con molte altre, si erano prese cura di Gesù fin da quando si trovava in Galilea, e lo avevano seguito a Gerusalemme.

42, 43 Tutto questo accadde alla vigilia del sabato. Nel tardo pomeriggio, Giuseppe d’Arimatea, un onorato esponente del tribunale ebraico (che aspettava con fede l’arrivo del Regno di Dio), si fece coraggio e andò da Pilato a chiedere il corpo di Gesù. 44 Pilato non poteva credere che Gesù fosse già morto e s’informò quindi dal centurione romano di servizio. 45 Il centurione confermò l’accaduto, allora Pilato diede a Giuseppe il permesso di prendere il corpo di Gesù.

46 Giuseppe comprò un lungo lenzuolo di lino e, dopo aver tolto dalla croce il corpo di Gesù, lo avvolse nel lenzuolo e lo depose in una tomba scavata nella roccia. Poi fece rotolare una grossa pietra davanti all’apertura del sepolcro.

47 Maria Maddalena e Maria, madre di Iose, stavano a guardare dove veniva deposto il corpo di Gesù.

La Bibbia della Gioia (BDG)

La Bibbia della Gioia Copyright © 1997, 2006 by Biblica, Inc.® Used by permission. All rights reserved worldwide.

  Back

1 of 1

You'll get this book and many others when you join Bible Gateway Plus. Learn more

Viewing of
Cross references
Footnotes