A A A A A
Bible Book List

Giobbe 6-9 La Nuova Diodati (LND)

Allora Giobbe rispose e disse:

«Ah, se il mio dolore fosse interamente pesato, e la mia sventura si mettesse insieme sulla bilancia,

sarebbe certamente piú pesante della sabbia del mare! Per questo le mie parole sono state sconsiderate.

Poiché le frecce dell'Onnipotente sono dentro di me, il mio spirito ne beve il veleno; I terrori di Dio sono schierati contro di me.

L'asino selvatico raglia forse di fronte all'erba, o muggisce il bue davanti al suo foraggio?

Si mangia forse un cibo insipido senza sale?, o c'è qualche gusto nel chiaro d'uovo?

La mia anima rifiuta di toccare simili cose, esse sono per me come un cibo ripugnante.

Oh, potessi avere ciò che chiedo, e Dio mi concedesse ciò che spero!

Volesse Dio schiacciarmi, stendere la sua mano e distruggermi!

10 Ho tuttavia questa consolazione ed esulto nei dolori che non mi risparmiano, perchè non ho nascosto le parole del Santo.

11 Qual è la mia forza, perché possa ancora sperare, e qual è la mia fine perché debba prolungare la mia vita?

12 La mia forza è forse quella delle pietre, o la mia carne di bronzo?

13 Non e il mio aiuto dentro di me, e la sapienza allontanata da me?

14 A colui che è afflitto, l'amico dovrebbe mostrare clemenza, anche se egli dovesse abbandonare il timore dell'Onnipotente.

15 Ma i miei fratelli mi hanno deluso come un torrente, come l'acqua dei torrenti che svaniscono.

16 S'intorbidiscono a motivo del ghiaccio, e in essi la neve si nasconde,

17 ma nella stagione calda svaniscono con il calore estivo scompaiono dal loro posto.

18 Il percorso del loro cammino devia si inoltrano nel deserto e si dissolvono.

19 Le carovane di Tema li cercano attentamente, i viandanti di Sceba sperano In essi,

20 ma rimangono delusi nonostante la loro aspettativa; quando vi giungono rimangono confusi.

21 Ora per me voi siete lo stesso, vedete il mio sgomento e avete paura.

22 Vi ho forse detto: "datemi qualcosa, o fatemi un regalo preso dai vostri beni".

23 O liberatemi dalle mani del nemico o riscattatemi dalle mani dei violenti

24 Istruitemi, starò in silenzio; fatemi capire in che cosa ho sbagliato.

25 Quanto sono efficaci le parole rette! Ma che cosa provano i vostri argomenti?

26 Intendete forse censurare le mie parole e i discorsi di un disperato, che sono come il vento?

27 Voi gettereste la sorte anche su un orfano e scavereste una fossa per il vostro amico.

28 Ma ora degnatevi di guardarmi, perché non mentirò davanti a voi.

29 Ricredetevi, vi prego, non si faccia ingiustizia! Sì ricredetevi, perché c'è di mezzo la mia giustizia.

30 C'è forse iniquità sulla mia lingua o il mio palato non distingue piú le sventure?».

«Non compie forse un duro lavoro l'uomo sulla terra, e i suoi giorni non sono come i giorni di un bracciante?

Come lo schiavo sospira l'ombra e come il bracciante aspetta il suo salario,

cosí a me sono toccati in sorte mesi di calamità e mi sono state assegnate notti di dolore.

Appena mi corico, dico: "quando mi alzerò?" Ma la notte si prolunga e sono continuamente agitato fino all'alba.

La mia carne è coperta di vermi e di vermi e di zolle di terra, la mia pelle si screpola ed è ripugnante.

I mie giorni sono più veloci di una spola da tessitore e si consumano senza speranza.

Ricordati che la mia vita è un soffio il mio occhio non vedrà piú il bene.

L'occhio di chi mi vede non mi scorgerà piú; i tuoi occhi saranno su di me ma io non sarò piú.

Come una nuvola svanisce e si dilegua, cosí chi scende nello Sceol, non risale piú;

10 non tornerà piú nella sua casa, e la sua dimora non lo riconoscerà piú

11 Perciò non terrò chiusa la bocca parlerò nell'angoscia del mio spirito, mi lamenterò nell'amarezza della mia anima.

12 Sono io forse il mare o un mostro marino che tu mi faccia sorvegliare da una guardia?

13 Quando dico: il mio letto mi darà sollievo, il mio giaciglio allevierà il mio dolore

14 tu mi spaventi con sogni e mi atterrisci con visioni;

15 Cosí l'anima mia preferisce soffoca e morire piuttosto che questa vita.

16 Mi disfaccio; non vivrò per sempre lasciami stare, i giorni miei non sono che un soffio.

17 Che cosa è l'uomo perché tu lo renda grande e presti a lui attenzione,

18 e lo visiti ogni mattina mettendolo alla prova ad ogni istante?

19 Quando distoglierai il tuo sguardo da me, e mi lascerai inghiottire la mia saliva?

20 Se ho peccato, che cosa ti ho fatto, o guardiano degli uomini? Perché mi hai fatto il tuo bersaglio, al punto di essere divenuto un peso a me stesso?

21 Perché non perdoni le mie trasgressioni e non passi sopra la mia iniquità? Perché presto giacerò nella polvere; tu mi cercherai, ma io non sarò piú».

Allora Bildad di Shuah rispose e disse:

«Fino a quando parlerai in questo modo, e le parole della tua bocca saranno come un vento impetuoso?

Può Dio distorcere il giudizio, e l'Onnipotente sovvertire la giustizia?

Se i tuoi figli hanno peccato contro di lui, egli li ha abbandonati in balìa del loro misfatto.

Ma se tu ricerchi Dio e supplichi l'Onnipotente,

se sei puro e integro, certamente egli sorgerà in tuo favore e ristabilirà la dimora della tua giustizia.

Anche se la tua condizione passata è stata ben piccola cosa

il tuo futuro sarà grande. Interroga quindi le generazioni passate e considera le cose scoperte dai loro padri,

noi infatti siamo di ieri e non sappiamo nulla, perché i nostri giorni sulla terra sono come un'ombra.

10 Non ti insegneranno forse essi e non ti parleranno, traendo parole dal loro cuore?

11 Può il papiro crescere fuori della palude, e il giunco svilupparsi senz'acqua?

12 Mentre è ancora verde e senza essere tagliato, si secca prima di ogni altra erba.

13 Tali sono le vie di tutti quelli che dimenticano Dio; cosí la speranza dell'empio perirà.

14 La sua fiducia sarà troncata e la sua sicurezza è come una tela di ragno.

15 Egli si appoggia alla sua casa, ma essa non regge; vi si aggrappa, ma essa non tiene.

16 Egli è tutto verdeggiante al sole e i suoi rami si protendono sul suo giardino;

17 le sue radici si intrecciano intorno a un mucchio di pietre, e penetra fra le pietre della casa.

18 Ma se è strappato dal suo luogo, questo lo rinnega, dicendo: "non ti ho mai visto"!

19 Ecco, questa è la gioia del suo modo di vivere, mentre altri spunteranno dalla polvere.

20 Ecco, Dio non rigetta l'uomo integro né presta aiuto ai malfattori.

21 Egli renderà ancora il sorriso alla tua bocca, e alle tue labbra canti di gioia.

22 Quelli che ti odiano saranno coperti di vergogna, e la tenda degli empi sparirà».

Allora Giobbe rispose e disse:

«Sí, io so che è cosí, ma come può un uomo essere giusto davanti a Dio?

Se uno volesse disputare con lui, non potrebbe rispondergli una volta su mille.

Dio è saggio di cuore e potente per la forza; chi mai si è indurito contro di lui e ha prosperato?

Egli sposta le montagne senza che se ne avvedano, quando nella sua ira le sconvolge.

Egli scuote la terra dal suo posto, e le sue colonne tremano.

Comanda al sole, ed esso non sorge, e mette un sigillo alle stelle.

Da solo dispiega i cieli e cammina sulle alte onde del mare.

Ha fatto l'Orsa e l'Orione, le Pleiadi e le regioni del sud.

10 Egli fa cose grandi e imperscrutabili, meraviglie senza numero

11 Ecco, mi passa vicino e non lo vedo, passa oltre e non me ne accorgo.

12 Ecco, afferra la preda, e chi gliela può riprendere? Chi può dirgli: "che cosa fai?"

13 Dio non ritira la sua collera, sotto di lui si curvano gli aiutanti di Rahab,

14 Come dunque potrei io rispondergli e scegliere le mie parole per discutere con lui?

15 Anche se avessi ragione, non potrei rispondergli, ma chiederei grazia al mio giudice.

16 Se io lo invocassi ed egli mi rispondesse, non potrei ancora credere che ha ascoltato la mia voce,

17 lui, che mi colpisce con la tempesta, e moltiplica le mie ferite senza motivo.

18 Non mi lascia riprendere fiato, anzi mi sazia di amarezze.

19 Se si tratta di forza, ecco, egli è potente; se di giudizio, chi mi fisserà un giorno per comparire?

20 Anche se fossi giusto, il mio stesso parlare mi condannerebbe; anche se fossi integro, egli proverebbe che sono perverso.

21 Sono integro, ma non ho alcuna stima di me stesso e disprezzo la mia vita.

22 E la stessa cosa; perciò dico: Egli distrugge l'integro e il malvagio

23 Se un flagello semina improvvisamente la morte, egli ride della sofferenza degli innocenti.

24 La terra è data in balìa dei malvagi; egli vela gli occhi ai giudici di essa; se non è lui, chi potrebbe dunque essere?

25 Ora i miei giorni passano piú veloci di un corridore, fuggono via senza vedere alcun bene.

26 Passano rapidi come navi di giunchi, come l'aquila che piomba sulla preda.

27 Se dico: "voglio dimenticare il mio lamento. deporre il mio aspetto triste e mostrarmi contento",

28 mi spavento per tutti i miei dolori; so bene che non mi riterrai innocente.

29 Se sono già stato condannato, perché affaticarmi invano?

30 Anche se mi lavassi con la neve e pulissi le mie mani con la soda,

31 tu mi getteresti nel fango di una fossa, le mie stesse vesti mi avrebbero in orrore.

32 Egli infatti non è un uomo come me, a cui possa rispondere e che possiamo comparire in giudizio assieme.

33 Non c'è alcun arbitro fra noi, che ponga la mano su tutti e due.

34 Allontani da me la sua verga, e il suo terrore non mi spaventi.

35 Allora potrò parlare senza temerlo. perché non sono cosí con me stesso».

La Nuova Diodati (LND)

Copyright © 1991 by La Buona Novella s.c.r.l.

  Back

1 of 1

You'll get this book and many others when you join Bible Gateway Plus. Learn more

Viewing of
Cross references
Footnotes