A A A A A
Bible Book List

Giobbe 32-34La Nuova Diodati (LND)

32 Allora questi tre uomini cessarono di rispondere a Giobbe, perché egli si riteneva giusto.

Ma l'ira di Elihu, figlio di Barakel, il Buzita, del clan di Ram, si accese contro Giobbe; la sua ira si accese, perché questi riteneva giusto se stesso anziché DIO.

La sua ira si accese anche contro i suoi tre amici, perché non avevano trovato la giusta risposta, sebbene condannassero Giobbe.

Elihu aveva aspettato a parlare a Giobbe, perché essi erano piú anziani di lui.

Quando però Elihu si rese conto che non c'era piú risposta sulla bocca di quei tre uomini, si accese d'ira.

Cosí Elihu, figlio di Barakel, il Buzita, prese la parola e disse: «lo sono ancora giovane di età e voi siete vecchi; perciò ho esitato e ho avuto paura a esporvi la mia opinione.

Dicevo: "Parlerà l'età, e il gran numero degli anni insegnerà la sapienza

Ma nell'uomo c'è uno spirito, ed è il soffio dell'Onnipotente che gli dà intelligenza.

Non sono necessariamente i grandi ad avere sapienza o i vecchi a intendere la giustizia.

10 Perciò dico: Ascoltatemi, esporrò anch'io la mia opinione.

11 Ecco, ho atteso i vostri discorsi, ho ascoltato i vostri argomenti, mentre cercavate qualcosa da dire.

12 Vi ho seguito attentamente, ed ecco, nessuno di voi ha convinto Giobbe o risposto alle sue parole.

13 Non dite dunque: "abbiamo trovato la sapienza; solo Dio lo può completamente sconfiggere, non l'uomo!"

14 Egli non ha diretto i suoi discorsi contro di me, perciò non gli risponderò con le vostre parole.

15 Sono sconcertati, non rispondono piú, mancano loro le parole.

16 Devo aspettare ancora, perché non parlano piú, perché stanno lí senza dare alcuna risposta.

17 Presenterò anch'io la mia parte, esporrò anch'io la mia opinione.

18 Poiché sono pieno di parole e lo spirito dentro di me mi costringe.

19 Ecco, il mio seno è come vino che non ha sfogo; come otri nuovi, sta per scoppiare.

20 Parlerò dunque per averne un po' di sollievo, aprirò le labbra e risponderò.

21 Permettetemi ora di parlare senza mostrare parzialità con alcuno e senza adulare alcuno;

22 perché io non so adulare, altrimenti il mio Fattore mi toglierebbe presto di mezzo».

33 «Ora dunque, Giobbe, ascolta ciò che ho da dire e porgi orecchio a tutte le mie parole!

Ecco, io apro la bocca e la mia lingua parla nella mia bocca.

Le mie parole vengono da un cuore retto, le mie labbra proferiranno pura conoscenza.

Lo Spirito di Dio mi ha fatto e il soffio dell'Onnipotente mi dà la vita,

Se puoi, rispondimi; preparati pure a difendere le tue posizioni.

Ecco, io sono uguale a te davanti a Dio; anch'io sono stato formato dall'argilla.

Ecco, nessuna paura di me ti dovrebbe spaventare, e la mia mano non graverà su di te.

Tu però hai detto alle mie orecchie, e ho udito il suono delle tue parole, che dicevano:

"Io sono puro, senza peccato, sono innocente, non c'è in me alcuna colpa.

10 Ma Dio trova contro di me motivi di ostilità e mi considera suo nemico.

11 pone i miei piedi nei ceppi e osserva tutti i miei passi".

12 Ebbene, io ti dico che in questo non hai ragione, perché Dio è piú grande dell'uomo.

13 Perché contendi con lui, dato che egli non rende conto di alcuno dei suoi atti?

14 Dio infatti parla in un modo o nell'altro, ma l'uomo non ci bada:

15 in un sogno, in una visione notturna, quando un sonno profondo cade sui mortali, quando stanno assopiti sui loro letti.

16 Allora egli apre le orecchie degli uomini e sigilla gli ammonimenti che dà loro.

17 per distogliere l'uomo dalle sue azioni e tener l'uomo lontano dalla superbia.

18 per scampare la sua anima dalla fossa e impedire che la sua vita perisca per la spada.

19 L'uomo è pure ammonito con il dolore sul suo letto e con il tormento incessante nelle sue ossa.

20 sí da aver nausea del pane e persino dei cibi più squisiti.

21 La carne si consuma a vista d'occhio, mentre le sue ossa, che prima non si vedevano, spuntano fuori;

22 cosí la sua anima si avvicina alla fossa e la sua vita a quelli che danno la morte.

23 Ma se presso a lui vi è un angelo, un interprete, uno solo fra mille, che mostri all'uomo il suo dovere.

24 Dio ha pietà di lui e dice: "risparmialo dallo scendere nella fossa; ho trovato il riscatto per lui"

25 Allora la sua carne diventerà piú fresca che nella, sua fanciullezza ed egli tornerà ai giorni della sua giovinezza.

26 Supplicherà Dio, troverà grazia presso di lui e potrà contemplare il suo volto con giubilo, perché Dio avrà ristabilito l'uomo nella sua giustizia.

27 Rivolgendosi alla gente dirà: "ho peccato e violato la giustizia, e non sono stato punito come meritavo.

28 Dio ha riscattato la mia anima, perché non scendesse nella fossa e la mia vita può vedere la luce".

29 Ecco. Dio fa tutto questo due volte, tre volte con l'uomo.

30 per scampare la sua anima dalla fossa e per illuminarlo con la luce della vita.

31 Sta' attento, Giobbe, ascoltami; sta in silenzio, e io parlerò.

32 Se hai qualcosa da dire, rispondimi, parla, perché vorrei poterti dar ragione.

33 Se no, ascoltami; taci, e io ti insegnerò la sapienza».

34 Elihu riprese a parlare e disse:

«Ascoltate, o saggi, le mie parole, e voi, dotti, prestatemi orecchio!

Poiché l'orecchio esamina le parole, come il palato assapora i cibi.

Scegliamo noi stessi ciò che è giusto, riconosciamo fra noi ciò che è buono.

Poiché Giobbe ha detto: Sono giusto ma Dio ha tolto via la mia giustizia.

Dovrei mentire contro la mia giustizia? La mia ferita è incurabile, benché sia senza peccato".

Chi è come Giobbe, che beve la derisione come l'acqua,

che cammina in compagnia dei malfattori e vada assieme ai malvagi?

Poiché ha detto: "Non giova nulla all'uomo riporre il proprio diletto in DIO

10 Ascoltatemi dunque, o uomini di senno! Lungi da Dio l'iniquità e dall'Onnipotente la malvagità!

11 Poiché egli rende all'uomo secondo le sue opere e fa trovare a ognuno il salario della sua condotta.

12 Certamente Dio non compie il male e l'Onnipotente non sovverte la giustizia.

13 Chi gli ha affidato la cura della terra, o chi lo ha costituito sul mondo intero?

14 Se Dio dovesse decidere in cuor suo di ritirare a sé il suo Spirito e il suo soffio,

15 ogni carne perirebbe assieme, e l'uomo ritornerebbe in polvere,

16 Se hai intendimento, ascolta questo, porgi orecchio a ciò che ti dico.

17 Uno che odia la giustizia potrebbe governare? Osi tu condannare il Giusto, il Potente?

18 Lui che dice a un re, "Sei spregevole" e ai principi: "Siete malvagi".

19 Ma egli non usa alcuna parzialità con i grandi né considera il ricco piú del povero, perché sono tutti opera delle sue mani.

20 In un attimo, essi muoiono nel cuore della notte la gente è scossa e scompare, i potenti son portati via senza mano d'uomo.

21 Poiché egli tiene gli occhi sulle vie dell'uomo, e vede tutti i suoi passi.

22 Non vi sono tenebre né ombra di morte, dove possano nascondersi i malfattori.

23 Dio infatti non ha bisogno di osservare a lungo un uomo prima di farlo comparire davanti a sé in giudizio.

24 Egli fiacca i potenti senza fare inchiesta e ne mette altri al loro posto.

25 Poiché conosce le loro opere, li abbatte nella notte e sono distrutti;

26 li colpisce come gente malvagia alla vista di tutti.

27 perché si sono allontanati da lui senza prestare attenzione alle sue vie,

28 fino a far giungere a lui il grido a del povero, perché egli ode il grido degli afflitti.

29 Quando Dio dà tranquillità, chi lo condannerà? Quando nasconde il suo volto, chi potrà vederlo, sia contro un'intera nazione o un sol uomo,

30 per impedire all'empio di regnare e al popolo di essere preso da lacci?

31 Può uno dire a Dio: "Io porto la mia pena non farò piú il male;

32 mostrami ciò che non riesco a vedere; se ho commesso qualche iniquità, non lo farò piú"?

33 Dovrebbe egli ricompensare in base alle tue condizioni, perché tu rifiuti il suo giudizio? Tu devi scegliere e non io; perciò di ciò che sai.

34 La gente assennata, come ogni uomo saggio che mi ascolta, mi dirà:

35 "Giobbe parla senza intendimento, le sue parole sono prive di sapienza

36 Sia dunque Giobbe provato sino alla fine, perché le sue risposte sono come quelle degli uomini malvagi,

37 perché aggiunge al suo peccato la ribellione, batte le mani in mezzo a noi e moltiplica le sue parole contro Dio».

La Nuova Diodati (LND)

Copyright © 1991 by La Buona Novella s.c.r.l.

  Back

1 of 1

You'll get this book and many others when you join Bible Gateway Plus. Learn more

Viewing of
Cross references
Footnotes